livorno.gif (3368 byte)
 
 
homepage.gif

ospitalita.gif (1790 byte)

Monumenti, Gallerie d'Arte, Teatri, ecc.

meteo

Livorno è situata sulla costa del mar Tirreno, all'estremità sud-ovest della pianura alluvionale dell'Arno.
Piccolo porto e villaggio di pescatori citato per la prima volta all'inizio del X secolo (Livorna), fu fortificato nel 1392 da Pisa in appoggio al grande scalo marittimo di Porto Pisano. Passate ai genovesi all'inizio del 1400, le due località marittime furono vendute a Firenze per 100.000 fiorini, quando Pisa era ormai entrata nell'orbita medicea. Livorno cominciò a svilupparsi da allora come centro commerciale e nel Cinquecento, mentre il bacino di Porto Pisano si andava interrando, divenne, grazie a nuove strutture e fortificazioni, il più importante porto della Toscana. I Medici le concedettero notevoli facilitazioni fiscali e doganali fino a divenire, nel secolo seguente, un vero porto franco, statuto che conservò fino all'unità d'Italia. Questa condizione privilegiata provocò un grande incremento della popolazione: giunsero, fra l'altro, numerosi greci ed ebrei portoghesi e spagnoli, che ebbero, con la "Costituzione livornina" del 1593, libertà di residenza e di culto.
Nel 1571 i Medici diedero inizio alla costruzione di un nuovo porto e nel 1577 affidarono a Bernardo Buontalenti il progetto di rifondazione urbanistica della città. Ne risultò una pianta che ricalca le tipiche forme della "città ideale" del Rinascimento: un pentagono quasi regolare circondato dalle acque di un fossato (i "fossi"), con i lati di circa 600 metri e strade a reticolo prevalentemente ortogonale. Dopo le edificazioni medicee, i Lorena, nuovi granduchi di Toscana, a partire dal 1737, ampliarono il porto e iniziarono poi la moderna espansione verso est e sud, secondo il piano regolatore del 1830.

Itinerari Culturali
Notevoli monumenti sono la Fortezza vecchia (1521-1534) di Antonio da Sangallo il Giovane, circondata dal Fossato Reale; il Duomo (XVII-XVIII secolo), che si affaccia sulla piazza Grande al centro del nucleo pentagonale; il celebre monumento a Ferdinando I de' Medici (1595-1626) detto anche dei quattro Mori; la chiesa ottagonale di Santa Caterina (1720) nel quartiere marinaro, costruito fra il 1629 e il 1644, detto "Venezia nuova", perché attraversato da un reticolo di canali; la chiesa di San Ferdinando (1707-1714); il Cisternone, grande serbatoio d'acqua con fronte neoclassica (1829-1832). Inoltre, nell'ottocentesca Villa Fabbricotti, il Museo civico espone opere dei pittori livornesi Amedeo Modigliani e Giovanni Fattori, con altre di macchiaioli toscani; presso la neoclassica Villa Maria è invece ospitato il museo dedicato al musicista livornese Pietro Mascagni. Lungo la bella passeggiata a mare, viale Italia, che conduce al quartiere residenziale-balneare dell'Ardenza, si trova l'Accademia navale, costruita nel 1881. Fuori città, la quattrocentesca Torre del Marzocco, ottagonale, che si erge sopra una diga a nord del porto, caratterizza il panorama urbano dal mare e dai colli; nell'entroterra collinare di sud-est sorge il noto santuario di Montenero (XIV-XVIII secolo), ricco di numerosi e caratteristici ex voto di tema marinaro.