roma.gif (3322 byte)
 
 
homepage.gif

ospitalita.gif (1790 byte)

Monumenti, Gallerie d'Arte, Teatri, ecc.

romaantica.gif (776 byte)

Aeroporti di Ciampino e Fiumicino

Trasporti Pubblici di Roma

meteo

Stazione Termini

Roma - capitale della Repubblica italiana e San Pietro.jpg (171078 byte)sede del Papato. Sorge sulle rive del Tevere, sopra una serie di colli in mezzo ad una pianura ondulata a circa 20 km. dal mar Tirreno. Culla della civiltà occidentale e cuore del Cattolicesimo, è detta la "Città Eterna", "Caput Mundi", l'"Urbe", cioè la città per eccellenza e che comprende anche il minuscolo stato di Città del Vaticano.
Le auguste testimonianze della sua storia e le straordinarie ricchezze del suo patrimonio artistico, la pongono sempre come meta ambita di viaggiatori colti e di turisti di ogni estrazione sociale, di pellegrini devoti e di semplici curiosi. Roma ha nell'eccezionale estensione dei suoi rioni storici, delimitati da mura antiche diciassette secoli, nella vistosità delle testimonianze artistiche e culturali, nella sua prerogativa di centro della cristianità i più evidenti motivi di richiamo.
La storia di Roma.
 

Itinerari Culturali
I primi complessi monumentali sono edificati dagli Etruschi a partire dalla metà del VII sec. a.C., i grandi lavori edilizi (Cloaca Maxima) sono attribuiti a Tarquinio Prisco. La città repubblicana lascia pochi monumenti intatti eccetto i templi di Vesta e della Fortuna virile. Gli scavi hanno permesso lo studio di numerose vestigia custodite in alcune costruzioni imperiali (sul Palatino, case dei Grifoni, 80 a.C.).
L'epoca antica e paleocristiana ha una spettacolare concentrazione nelle aree archeologiche del Foro romano (templi di Saturno e di Castore e Polluce, archi di Tito e di Settimio Severo, basiliche Giulia e di Massenzio, tutti edifici compresi tra il I secolo a.C. e il IV d.C.) e del Palatino (case di Livia e di Augusto, palazzo dei Flavi, Domus Augustana e Domus Severiana, Stadio Palatino, edificati tra il I secolo a.C. e il III d.C.), negli scavi di Ostia Antica e lungo la via Appia Antica (tomba di Cecilia Metella del I secolo a.C., catacombe di San Callisto del II secolo d.C.), ma annovera poi: le Mura Aureliane (III secolo) con le porte San Paolo e San Sebastiano; il mausoleo di Augusto e l'Ara Pacis, del I secolo a.C.; il Colosseo del I secolo d.C.; le colonne di Traiano e di Marco Aurelio, il Pantheon e il Castel Sant'Angelo (già mausoleo di Adriano), del II secolo; le terme di Caracalla, del III secolo; l'arco di Costantino, del IV secolo come il mausoleo di Santa Costanza; le basiliche di Santa Maria Maggiore e di Santa Sabina, del V secolo.
La Roma medievale conserva: del XII secolo le basiliche di San Clemente, poi modificata nel XVIII secolo, Santa Maria in Trastevere e San Lorenzo fuori le Mura; del XIII secolo Santa Maria in Aracoeli e il chiostro di San Giovanni in Laterano (metro A fermata S. Giovanni); dei secoli XIII e XIV Santa Maria sopra Minerva.
Ma la più decisa impronta alla fisionomia della città, l’hanno data le mirabili creazioni architettoniche e le geniali soluzioni urbanistiche promosse dai papi del Rinascimento e del periodo barocco. Basterà ricordare la basilica di S. Pietro con la sua cupola michelangiolesca, divenuta, con il Colosseo, il simbolo stesso della città; i palazzi Farnese e Venezia, i palazzi Capitolini, quelli apostolici; accennare alle mirabili scenografie barocche di piazze, fontane, obelischi, gradinate quali piazza del Quirinale, San Pietro in Montorio con il tempietto del Bramante, il Palazzo della Cancelleria e la Farnesina, la scalinata di Trinità dei Monti (metro A fermata Piazza di Spagna), porta Pia, piazza del Campidoglio, la chiesa di Santa Maria della Pace; del Vignola, costruita fra il 1568 e il 1577, è la chiesa del Gesù. Del VI-VII secolo sono le piazze di Spagna e Navona; scenografici spazi della Roma barocca, si aggiungono il Palazzo Barberini (metro A fermata Barberini), Sant'Ignazio e Sant'Andrea al Quirinale, del XVII secolo, la ricostruita basilica di San Giovanni in Laterano (del Borromini, costruita fra il 1646 e il 1657, ma la cui facciata risale al 1732-1735) e la celebre fontana di Trevi (1732-1762).
La città neoclassica si rivela nei parchi di Villa Borghese e del Pincio, e in piazza del Popolo, del primo Ottocento; quella di fine secolo nel Vittoriano (progettato da G. Sacconi e realizzato fra il 1885 e il 1911); quella del Novecento nella stazione Termini (metro A e B - costruita fra il 1938 e il 1950), nel quartiere dell'EUR (realizzato fra il 1938 e il 1960) e nello Stadio Olimpico (eretto fra il 1950 e il 1953, e ridefinito nel 1990).
Per la sua importanza storica e la preminenza religiosa e politica nel Paese, Roma conta numerosi istituzioni di cultura, di larga fama e talune di antica origine. Grande fama hanno nel mondo le raccolte d'arte della città: il Museo etrusco di villa Giulia, splendida rassegna di arte etrusca, ma ricco anche di ceramiche e vasi greci, nonché di reperti di civiltà italiche; il Museo Nazionale Romano, di carattere archeologico, distribuito nelle tre sedi delle terme di Diocleziano, dell'ex Collegio Massimo e del Palazzo Altemps con la celebre collezione Ludovisi; i Musei Capitolini, di scultura e pittura, che ebbero origine dalla donazione fatta alla città da Sisto IV nel 1471; i Musei Vaticani, tra le massime raccolte d'arte esistenti, il cui apice è nelle Stanze di Raffaello e nella Cappella Sistina; il Museo e galleria Borghese, che furono definiti la regina delle collezioni private del mondo e vantano opere di Antonello da Messina, Raffaello, Tiziano, Caravaggio, Bernini, Canova; la Galleria Doria Pamphilj, superba pinacoteca il cui primo nucleo fu messo insieme da Innocenzo X nel 1651; la Galleria Nazionale d'arte antica, con dipinti dal XII al XVIII secolo, e la Galleria Nazionale d'arte moderna, la maggiore d'Italia per la pittura e la scultura del XIX e XX secolo. Al Teatro dell’Opera si svolgono gli annuali spettacoli lirici, d’estate, all’aperto, una stagione lirica e di concerti alle Terme di Caracalla, vari teatri ospitano spettacoli di prosa, l'Accademia di Santa Cecilia con le sue sale da concerto.
Tra le manifestazioni religiose più spettacolari si segnalano: la grande riunione in piazza S. Pietro per la benedizione papale la mattina di Pasqua, la festa di S. Giovanni nella zona omonima, la festa dei Santi Pietro e Paolo, in Trastevere a metà luglio la festa "de Noantri", l’8 dicembre in piazza di Spagna, il Natale ha una sua solennità particolare con l’esposizione di antichi presepi e messe solenne a mezzanotte, una fiera dei giocattoli culminante con la festa della Befana viene fatta in piazza Navona e luminarie nelle vie della città.

Campidoglio - (metro B fermata Colosseo). La piazza del Campidoglio fu progettata nel 1536, nel suo monumentale assetto architettonico, da Michelangelo e compiuta nel XVII secolo. Vi si trovano anche tre nobili palazzi: il Senatorio, quello dei Conservatori e quello del Museo Capitolino. Al centro vi domina, su elegante base disegnata da Michelangelo, la maestosa statua equestre di Marco Aurelio.Museo Capitolino-Venere.jpg (9272 byte)

Cappella Sistina. È la cappella ufficiale e privata dei pontefici, nella quale si tengono i conclavi per l'elezione del papa. Fu costruita sotto Sisto IV tra il 1475 e il 1481 ed è celebre per i magnifici affreschi che la decorano. La balaustra che la divide in due e la tribuna cantoria sono opera di Mino da Fiesole, G. Dalmata e A. Bregno.

Chiesa del Gesù. È la chiesa principale dei Gesuiti e una delle più importanti di Roma. Venne iniziata nel 1568 dal Vignola e fu compiuta da Giacomo della Porta, al quale si deve anche il disegno della grandiosa facciata del 1575. La volta della navata, la cupola e la tribuna sono rivestite di grandiosi affreschi del Baciccia (1669-1683) e tantissime altre opere d'argento, di marmo e di bronzo.

Fontana di Trevi. La più famosa e la più monumentale fontana di Roma. Opera di N. Salvi (1762) è una delle più belle creazioni dell'epoca; situata ad un trivio, da qui il motivo del suo nome, ha uno scenografico insieme di scogli e statue raffiguranti Oceano sulla biga trascinato da focosi cavalli marini, guidati da tritoni (P. Bracci) e di fragorosi getti d'acqua. Ha fatto da sfondo a molti film tra cui "La dolce vita" di F. Fellini.

Galleria Doria-Pamphili. Contiene capolavori italiani e stranieri dal XV al VII secolo. Tiziano (Erodiade), Romanino (Madonna col Bambino), Tintoretto (Ritratto), Correggio (Allegoria della Virtù), Raffaello (Ritratto di due personaggi), Lotto (S. Girolamo), Caravaggio (la Maddalena), M. Preti (Gesù paga il tributo); marmi antichi, arazzi fiamminghi commemorativi della battaglia di Lepanto. Gli appartamenti di rappresentanza e privati, contengono opere d'arte di Lippi, S. del Piombo, Memling, Lotto e offrono una splendida visione di una dimora principesca romana.

Museo Nazionale di Villa Giulia. Costruita nel 1551-1553 dal Vignola, ha sede nella villa di papa Giulio III; la severa facciata è opera dell'Ammannati. Il museo ha carattere archeologico e raccoglie preziose testimonianze e materiale dell'Etruria meridionale e dei territori non etruschi del Lazio e dell'Umbria.

Palazzo del Museo Capitolino. Pur essendo di modeste proporzioni rivela, nella grandiosità delle forme, l'impronta di Michelangelo. Nel cortile fa la bella fontana di G. della Porta, il palazzo ospita il Museo Capitolino in cui si può ammirare una ricca collezione di sculture classiche.

Piazza di Spagna. È tra le più pittoresche piazze di Roma, cui fa da scenografico sfondo la monumentale scalinata di Trinità dei Monti, magnifica creazione del 1723-1726 di A. Specchi e F. de Sanctis, che scende con i suoi 137 gradini, con maestosità a rampe successive dalla chiesa della Trinità dei Monti. Al centro si trova la caratteristica fontana della Barcaccia di P. Bernini (1629), padre di Gian Lorenzo. Nelle vicinanze si trova la via Margutta, luogo di incontro di pittori e di antiquari.

Piazza Navona. Una delle più caratteristiche ed armoniose piazze che possono rappresentare il barocco romano. Sorge sulle rovine dello stadio Domiziano di cui conserva la forma e le dimensioni, di carattere popolare e teatro di giochi e feste, tra cui la famosa fiera della Befana il 5 gennaio. Al centro, domina la bella e vivace fontana dei Fiumi, anche questa di originale concezione del Bernini (1651); le quattro statue allegoriche del Nilo, Gange, Danubio, Rio della Plata, in rappresentanza delle quattro parti del mondo, fanno da contorno ad una scogliera che porta in alto un obelisco. Altre due fontane abbelliscono questa piazza; la fontana del Moro e la fontana del Nettuno.

Piazza S. Pietro - (metro A fermata Ottavia - S. Pietro). Una delle più maestose piazze del mondo, che fa da cornice alla basilica, la quale la domina dal fondo con la sua maestosità. È il capolavoro di Bernini, che tra il 1656 e il 1667 cinse la Basilica di S. Pietro con due grandi emicicli formati da un quadruplice colonnato (284 colonne e 88 pilastri), coronato da ben 140 statue e dai grandi stemmi di Alessandro VII. Al centro vi si trova un obelisco trasportato a Roma da Eliopoli sotto il governo di Caligola. Sul selciato, nel centro della piazza si trova una pietra circolare, dalla quale, guardando il colonnato di fronte, lo si vede formato da una sola fila di colonne.

Santa Maria del Popolo. Una delle chiese romane più ricche di opere d'arte, vi sono opere di Pinturicchio, Bramante, Sansovino, Caravaggio, Lorenzetto e Bernini. La chiesa prese il nome da un'antica cappella eretta dal Comune, quindi a spese del popolo romano. Venne probabilmente edificata per celebrare la liberazione del Santo Sepolcro nella prima crociata, sotto Sisto IV fu ricostruita in forme rinascimentali.

S. Giovanni in Laterano. Fu fondata da papa Melchiade (311-314) sulle proprietà dei Plauzi Laterani donate alS.Giovanni in Laterano-Battistero.jpg (42491 byte) pontefice da Costantino a questo scopo. Più volte distrutta e ricostruita, l'ultima nel 1646-1649 sotto Innocenzo X ad opera del Borromini. La maestosa facciata principale è di A. Galilei (1735). Si possono ammirare opere di Giotto, Barna da Siena, A. Romano, F. di Lorenzo. Il battistero, fatto costruire da Costantino, probabilmente su un ninfeo del Palazzo Laterano, fu riedificato nel V sec. sotto Sisto III. nel 1600 ebbe l'attuale sistemazione.

S. Pietro in Montorio. Il piccolo edificio sorge sul luogo ove, secondo la tradizione, fu crocifisso S. Pietro, venne poi rifatta in semplici forme rinascimentali forse da Baccio Pontelli. Si possono ammirare una "Flagellazione" di Sebastiano del Piombo, la "Deposizione" di Dirck van Baburen e il tempietto del Bramante. Nella cappella sottostante si trovo un foro nel quale sarebbe stata conficcata la croce di S. Pietro.

Santa Maria d'Aracoeli. A questa chiesa vi si accede dal Campidoglio; la basilica fu eretta nel IV-V secolo sulla cima più alta del Campidoglio là dove, secondo la leggenda, la Sibilla predisse ad Augusto la venuta del Redentore. Nel 1250 fu affidata ai Francescani che la restaurarono in forme romanico-gotiche. Ha una nuda facciata in cotto che spicca in cima ad una spettacolare scalinata. All'interno opere di Donatello, Pinturicchio, Bregno, Savelli, Lorenzo e Giacomo Cosma, P. Cavallini e Benozzo Gozzoli. In una cappella è custodito il veneratissimo Bambino Gesù, al quale vengono indirizzate lettere da tutto il mondo.

Santa Maria della Pace. È una delle più interessanti chiese di Roma del primo Rinascimento, eretta nel 1480, forse da Baccio Pontelli, sotto il papato di Sisto IV. Nel 1656 Pietro da Cortona le aggiunse la facciata barocca, con il bel pronato semicircolare a colonne. Sull'arco della prima cappella, sono raffigurate le famose Sibille (Cumana, Persica, Frigia e Tiburtina) dipinte da Raffaello nel 1514. Vi sono altre opere di illustri maestri quali A. da Sangallo il Giovane, V. de Rossi, B. Peruzzi, S. Mosca. Nell'ottagono sormontato da cupola, il ricco altare maggiore di C. Maderno, racchiude l'immagine miracolosa della Madonna della Pace che, colpita da un sasso, versò sangue. Il piccolo chiostro è invece opera del Bramante (1504).

Santa Maria in Trastevere. La magnifica basilica sorge nel cuore di Trastevere ed è ornata da una fontana del seicento. A Roma, fu la prima chiesa dedicata alla Madonna, ma l'attuale costruzione risale al 1130-1143. La fronte, ornata di mosaici del XII e del XIII secolo e con un bel campanile romanico, è preceduta da un portico sotto il quale vi sono marmi e varie lapidi. L'interno è stato disegnato dal Domenichino nel 1617, grandi mosaici del 1140 rivestono l'arco sul fondo e il catino dell'abside, da ammirare anche i sei riquadri a mosaico con la Vita di Maria del Cavallini (1291).

Sant'Agnese. La chiesa, sorta nel IV secolo come un piccolo santuario sulle catacombe che accoglievano i resti della Santa Martire, fu rifatta nel VII sec. e più volte restaurata. Il suggestivo interno è a tre navate su antiche colonne con capitelli. La statua della Santa sopra l'altare maggiore, che ne ricopre i resti, fu ricavata da N. Cordier nel 1610 da una statua romana d'alabastro.