piatti_tipici.gif (3575 byte)
 
 
homepage.gif

 

 

 



  
   


   


  

 

Piatti tipici del Veneto

Benvenuti nella regione più turistica d'Italia. La varietà dei paesaggi e i molteplici contributi dati dalle civiltà del passato, si associano in una rassegna enogastronomica ampia e coerente alla tradizione.
I tipi di pane sono: I Bibanesi, la Ciabatta Italia, la Ciòpa, i Bossolài, i Montasù, il Pan biscotto, il Pane azzimo, il Piava e il Puccia.

"Bigoli" co' l'arna
Piatto tipico vicentino, i bigoli sono grossi spaghetti lavorati al torchio che vengono poi cotti, invece che nell'acqua salata, nel brodo di anitra. Il sugo con cui vengono poi conditi è ottenuto dalla cottura delle rigaglie dell'anitra fatte soffriggere con olio e burro.

Casunziei
Piatto tipico del bellunese, questi ravioli sono ripieni di zucca o spinaci, con prosciutto cotto e insaporiti con cannella. Vengono conditi, dopo la cottura, con burro fuso e ricotta affumicata grattugiata.

Lasagne da Fornèi
Questo primo piatto montanaro è tipico del bellunese, lasagne preparate in casa, bollite, scolate e condite con una salva composta di burro, noci, mele grattugiate, fichi secchi, uva sultanina e semi di papavero.

Riso con i "bruscandoli"
I bruscandoli sono l e tenere cime di luppolo che cresce spontaneo, vengono poi bolliti  e utilizzati per preparare minestre o risotti.

Risotto alla trevigiana
Come dice il nome, è un piatto tipico del trevisano. Dopo aver preparato un soffritto a base di cipolla e sedano, si aggiunge alla cottura del riso pezzi di luganega di Treviso, la quale è composta con le carni del collo e del guanciale del maiale insaccate in corti pezzi di budello.

Baccalà alla vicentina
Dopo aver tagliato a tranci e tolto le lische allo stoccafisso, lo si cuoce con cipolla, aglio, prezzemolo, acciughe, parmigiano, olio e latte. Viene servito con polenta appena cotto oppure abbrustolita.

Fegato alla veneziana
Il fegato di vitello, tagliato a fettine, viene cotto su un fondo di olio, burro e abbondante cipolla tagliata a fettine sottili, a fine cottura si cosparge di prezzemolo tritato.

Pinza
La "pinza" è una delle glorie dolciarie del trevisano e del padovano.
Dosi per 4 persone.

gr. 300 di farina gialla
gr. 200 di farina bianca
gr. 160 di zucchero
gr. 200 di burro
gr. 40 di uvette
gr. 40 di pinoli
gr. 40 di fichi secchi
gr. 40 di zucca candita
½ bicchiere di latte
1 pizzico di semi di anice
grappa
sale

Prima di tutto mettere in infusione nella grappa i pinoli, le uvette, i fichi secchi, i semi di anice e la zucca candita.
Dopo aver mescolato insieme le due farine, si bagnano col latte bollente e si unisce il sale. Dopo di che, si cuoce l'impasto a metà rimestando continuamente. Quando la pasta ha preso consistenza, aggiungere lo zucchero, il burro e gli altri ingredienti. Così combinato, l'impasto, va messo in uno stampo liscio e poi in forno per 40 minuti.

Brazadela
Ricetta di Giorgio Rossini- Verona.
Dosi per 4 persone.

gr. 350 di farina
gr. 160 di zucchero
gr. 160 di burro
½ bicchiere di latte
2 uova
2 bustine di lievito
½ bicchierino di grappa
sale

Questa classica ciambella veronese, fine e delicata, la si ottiene impastando la farina con le uova, lo zucchero, il latte e irrorando il composto con il mezzo bicchierino di grappa; aggiungere all'impasto il pizzico di sale e il lievito. Dopo aver lavorato l'impasto a lungo e averlo reso soffice, lo si mette in uno stampo unto di burro e spolverato di farina mettendolo poi in forno moderato per circa 40 minuti.

Smegiazza padovana
Ricetta di Ranieri da Mosto.
Dosi per 4 persone.

gr. 250 di farina bianca
gr. 250 di farina gialla
gr. 160 di zucchero
gr. 120 di burro
gr. 120 di uvetta, pinoli e cedro
gr. 30 di strutto
gr. 30 di olio d'oliva
1 noce di burro
sale

Dopo aver mescolato insieme le due farine, aggiungere l'uvetta, i pinoli, il cedro, lo zucchero, la presina di sale, l'olio e lo strutto. Lavorare il tutto con cura amalgamando bene il composto, metterlo in una teglia unta di burro e spolverata di farina bianca e mettere in forno a fuoco piuttosto vivace. Servire tiepida.