Piatti tipici della Valle d'Aosta
 
 
homepage.gif

 

 

 



  
   


   


  

 

Piatti tipici della Val d'Aosta

In una regione alpina, dove l'allevamento ha un suo ruolo predominante ed essenziale, la cucina trova le sue basi nelle carni, nelle verdure e nei latticini.
I tipi di pane sono: Micoula e Pane di Segale.

Fontina: È un formaggio grasso e dolce, con una buona persistenza gusto-olfattiva e lieve aromaticità. Vini in abbinamento sono Valle d'Aosta Petit Rouge, Gamay, Enfer d'Arvier oppure Dolcetto d'Ovada e Bonarda dell'oltrepò pavese.
Camoscio-Capriolo alla valdostana: In genere si utilizza la coscia o il filetto, messo a bagno nel vino rosso con aromi naturali, poi rosolato in tegame e spruzzati di grappa. Vengono serviti con polenta fresca o a fette arrostite sulla griglia.
Seupa de grì: Antica minestra valligiana a base di orzo lungamente cotto insieme a costine di maiale e verdure di stagione. Si può consumare anche dopo due o tre giorni dopo la preparazione, così il tutto acquista ancora di più il sapore già di per sè vigoroso.
Soupe valpellinentze: Prende il nome della Valpelline. Piatto composto da patate, cavoli lessati, fontina e brodo di carne, il tutto passato al forno.
Soupe paysanne: Minestra di pane di segale raffermo tagliato a fette oppure a pezzetti, con cubetti di fontina e toma, burro, cipolla e aromi, il tutto coperto di brodo bollente e passato in forno.
Le zuppe si abbinano volentieri a vini come Valle d'Aosta Blanc de Morgex de La Salle, Petit Arvine, Gamay.

Fondue: Il piatto è a base di fontina abbinata al latte, burro e tuorli d'uovo. Questo piatto nutriente è da accompagnare con dadini di pane tostato, con la polenta, il riso. Accompagnare con Valle d'Aosta Rosato e rosso, Premetta, Torrette o Chambave Rosso.
Costoletta alla valdostana: Questa rinomata portata di carne si prepara aprendo a libro una costoletta di vitello e quindi imbottita di fontina e prosciutto cotto, quindi impanata e fritta in abbondante burro.
Carbonade: Dose per 4 persone. gr. 800 di carne di bue, gr. 50 di burro, una cipolla, vino rosso ad alta gradazione, farina bianca, sale e pepe q.b. - Dopo aver tagliato a pezzi la carne, passarla nella farina e farla rosolare nel burro che avrete fatto sciogliere ma non bruciare. Togliere la carne posandola in un piatto e fate rosolare molto bene, nello stesso burro, la cipolla tagliata a pezzetti; rimettere nel recipiente la carne e cuocerla a lungo bagnandola ogni tanto con il vino rossso. A fine cottura salarla con una certa generosità (l'antica ricetta prevedeva l'utilizzo della carne sotto sale) e dosarla di pepe. Accompagnare con vini di buona struttura alcolica come Donnas, Fumin, Arnad-Montjovet Superiore oppure con Sassella o Chianti Classico.
Blanc manger: Questo è un dolce tipico della Savoia, a base di panna, zucchero e vaniglia.
Tegole di Aosta: Sono tavolette di pasta di mandorle, a volte ricoperte di cioccolata.
Brochat: Dolce ottenuto facendo addensare latte, vino e zucchero a fuoco lento. La crema così ottenuta la si può spalmare sul pane nero.
Fiandolein: Zabaglione con latte, zucchero, rum e un pizzico di limone.
Caffè valdostano: Indispensabile conclusione di ogni pranzo valdostano. Al caffè si aggiunge zucchero, una generosa dose di grappa e una scorza di limone e, dopo averlo fiammeggiato in una coppa di legno bassa e panciuta a più beccucci (la cosiddetta coppa dell'amicizia), si beve in compagnia.